BISCEGLIE 4 AGOSTO – L’Associazione Borgo Antico ha presentato questa mattina a Bari, nella sala conferenze della presidenza della Regione Puglia, l’undicesima edizione del Festival letterario Libri nel Borgo Antico, in programma dal 27 al 30 agosto a Bisceglie.

106 autori, 65 case editrici, di cui quasi la metà pugliesi, 300 volontari, 4 piazze e 4 giorni di Festival. Sono questi i numeri dell’edizione 2020 di Libri nel Borgo Antico. Tante le personalità del mondo del giornalismo, della letteratura, della scienza, della religione e della cultura che parteciperanno alla rassegna. Pur nel rispetto dei protocolli di sicurezza e delle attuali normative anti-Covid, l’Associazione “Borgo Antico” di Bisceglie non ha voluto rinunciare anche quest’anno a un appuntamento che nel tempo ha visto crescere consensi e interesse del pubblico, per la sua capacità di porsi come sostegno concreto per tutta la filiera dell’editoria, particolarmente penalizzata durante i mesi del lockdown.

L’obiettivo è ampliare la platea degli spettatori, coinvolgendo un pubblico trasversale ed eterogeneo, attraverso un programma che spazia dai grandi nomi della narrativa e della saggistica, fino ai nuovi fenomeni editoriali nati e cresciuti sul web.

Saranno ospiti della rassegna Nick Radogna, seguitissimo youtuber che di recente ha pubblicato il suo primo libro sul tema del bullismo, Adessoscrivo, misterioso autore attivissimo su Instagram, e Mariana Aresta, influencer ed ex alunna de “Il Collegio 4”, con oltre un milione e 300 mila followers sul social TikTok, che da tempo si spende contro gli stereotipi di genere. Ma ci sarà anche spazio per diverse riflessioni e altri punti di vista sulla realtà giovanile con Fernando Muraca, autore del libro “Liberamente Veronica. I miei 30 giorni senza i social”, e Federica Gasbarro, giovane attivista per i Fridays For Future.

Non mancheranno nomi celebri del panorama letterario italiano.

Due finalisti al Premio Strega 2020 come Daniele Mencarelli, che con il suo “Tutto Chiede Salvezza” (vincitore del Premio Strega Giovani) ha raccontato la storia, autobiografica e dirompente, della sua settimana passata in Tso nel 1994, e Gianrico Carofiglio, che presenterà al pubblico la sua acclamata opera “La Misura del Tempo” e la riedizione di “Non esiste saggezza”, antologia pubblicata per la prima volta nel 2010.

In programma nomi di grande spessore quali Stefania Auci, autrice de “I Leoni di Sicilia”, caso editoriale che ha conquistato tutto il mondo e già opzionato per una futura serie televisiva, Diego De Silva, che con il suo nuovo romanzo “I valori che contano (avrei preferito non scoprirli)” è immediatamente salito in testa alle classifiche di vendita, e Federico Moccia, autore da 10 milioni di copie di nuovo in libreria con “Semplicemente Amami”.

Opinionisti e firme prestigiose del giornalismo come Alessandra Ghisleri, Antonio Padellaro, Gianluigi Nuzzi, Marcello Veneziani, Francesco Borgonovo e Stefano Lorenzetto, approfondiranno i più caldi temi d’attualità, mentre testimonianze importanti come quella di Paola Perego analizzeranno gli aspetti più intimi della fragilità umana. Don Marco Pozza, teologo e parroco del carcere “Due Palazzi” di Padova, fidato interlocutore di Papa Francesco, presenterà invece il racconto della già storica Via Crucis celebrata il 10 aprile scorso dal pontefice in una piazza San Pietro completamente deserta. Ma la lista prosegue con tantissimi nomi noti come Pietro Del Soldà, Erica Mou, Mario Tozzi, Roberto Costantini, Diego Galdino, Eleonora Sottili, Georgette Polizzi e molti altri ancora che animeranno le quattro serate dell’undicesima edizione di Libri nel Borgo Antico.

“Nonostante le evidenti difficoltà – ha spiegato la portavoce dell’Associazione Borgo Antico, Alessandra Di Pierro – l’edizione 2020 del Festival dimostra quanto siano importanti i momenti in cui i contenuti culturali vengono condivisi, non solo via web. Le case editrici, gli scrittori che parteciperanno quest’anno hanno aderito con entusiasmo e con la voglia di poter tornare a incontrare il pubblico, confermando l’importanza dei festival letterario come momenti d’incontro così necessari in questo tempo”.